Cosa vedere nel Chianti

Il borgo di Montefioralle e le sue frittelle

L'antico borgo medioevale di Montefioralle vicino a Greve in Chianti ed alla casa vacanze Chianti Best House

Arrivando da Firenze lungo la SS 222 Chiantigiana, prima di raggiungere il centro di Greve in Chianti, tenetevi sulla desta ed imboccate la ripida salita che vi condurrà dritti in un luogo incantato: sitartta del borgo di Montefioralle. Siamo solo ad un paio di Km di distanza da Greve e dalla Chianti Best House e ci troviamo lungo la “via del Guardingo di Passignano”, ovvero la strada che metteva in comunicazione le tre valli del contado fiorentino (la Val d’Elsa, la Val di Pesa e la Val di Greve) con la zona del Valdarno.

Montefioralle visto dalla strada che arriva da Greve in Chianti

Montefioralle è uno dei borghi più antichi del Chianti. L’origine del luogo risale circa al 931, quando il Monaco tedesco Tanchelmo in viaggio da Cluny a Roma, fondò qui un monastero fortificato. Anticamente il luogo era chiamato “Monte Ficalli”, probabilmente in ragione delle molte piante di fico che tappezzavano le pendici della collina su cui è eretto. Ha assunto il più elegante nome di Montefioralle nel XVIII secolo.  Nelle varie epoche il castello è appartenuto  alle famiglie dei Ricasoli, dei Benci, dei Gherardini. Nel 1325 Castruccio Castracani lo saccheggiò e ne modificò l’architettura, rinforzando la cinta con un secondo ordine di mura ed aumentando il numero delle torri. Durante il Medioevo Montefioralle arrivò ad essere uno dei maggiori centri militari ed amministrativi dell’intera valle del Chianti.

Montefioralle-facciata della chiesa di Santo Stefano
La chiesa di Santo Stefano a Montefioralle

Oggi il paese conta circa 100 abitanti. Visto dall’alto ha mantenuto la forma ellittica dell’antico castello. Lo spazio tra le strutture originali della doppia cinta di mura è occupato da case. Pur avendo perso l’antico aspetto militare, il borgo mantiene intatta la sua fisionomia con i vicoli disposti a raggiera, il selciato in pietra irregolare, stretti passaggi e suggestivi sottopassi. Se è pur vero che a Greve si respira un’atmosfera medievale, in questo angolo di paradiso la si può davvero toccare con mano.

Montefioralle è famoso anche per ospitare la casa nativa di Amerigo Vespucci, riconoscibile per lo stemma e la “V” della famiglia Vespucci posta sopra l’architrave dell’ingresso.

Nel punto più alto del borgo è possibile visitare la Chiesa di S. Stefano di origine gotica, poi resa barocca tra il XVII e XVIII secolo, ed ulteriormente modificata da rifacimenti ottocenteschi.

Montefioralle-collage immagini antico borgo

Per i fortunati che si trovassero nella zona nel mese di marzo, da non perdere è la famosa Festa delle Frittelle. Si tratta di una festa collegata all’antica tradizione popolare di cucinare frittelle di riso per il giorno di San Giuseppe.

Montefioralle-sagra-delle-frittelle

E’ infatti durante il fine settimana più vicino a questa data (19 marzo), che ogni anno si svolge a Montefioralle l’ormai rinomata sagra. Durante i due giorni della festa delle frittelle, nella piazza di Montefioralle viene allestita una padella di circa 2 metri di diametro dove vengono cotte le deliziose frittelle di riso. Vari stand gastronomici  sono presenti per offrire altre specialità gastronomiche, panini, crostini, degustazioni di vino Chianti e di Vinsanto. Per l’occasione una servizio di navette gratuite  è disponibile con partenze ogni 30 minuti proprio di fronte alla casa vacanze Chianti Best House.

 

 

Sharing is caring

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.